Museo di Pignaca

1933 vg - Forlì - Piazzale Armando Casalini e Monumento ai Caduti

1933 vg - Forlì - Piazzale Armando Casalini e Monumento ai Caduti

Il Piazzale che collega la Porta Cotogni dal viale Roma e dal quale si accedeva ai giardini pubblici, fu intitolato ad Armando Casalini, forlivese di ulimi origini e di idee repubblicane. Amico di Pietro Nenni, partecipò alla settimana rossa del 1914, divenne segretario del Partito Repubblicano, carica che tenne a partire dal luglio 1916 fino all’aprile del 1920. A seguito della costituzione dei Fasci di combattimento si avvicinò alle posizioni di Mussolini: nel 1922 lasciò il partito che aveva guidato fondando l’organizzazione filofascista e filorepubblicana Unione Mazziniana Nazionale. Nel 1924, candidato nel cosiddetto listone fascista, fu eletto al Parlamento. Nominato vicesegretario generale delle Corporazioni sindacali, fu assassinato su un tram a Roma con tre colpi di rivoltella. L'omicida, il carpentiere comunista Giovanni Corvi, lo assalì al grido di "Vendetta per Matteotti!". Era il 12 settembre dello stesso 1924.

Commenti

Aggiungi un commento

Non sono presenti commenti. Scrivi il primo commento.

  •  

Visita Veloce

Lingua preferita