Mario "'Rino" Pagotto, il calciatore del Bologna che ha sconfitto i lager nazisti a suon di gol


Mario

Descrizione

Cartolina autografa di Mario "Rino" Pagotto, scritta ad Hohenstein il 5 giugno 1944 dove era prigioniero. Nel 1943 Rino viene arruolato nella brigata alpina, ma il suo compito nell’esercito italiano dura poco. Fino all’armistizio dei fascisti con gli Alleati. I tedeschi lo arrestano l’8 settembre e la sua storia procede con una lunga tradotta verso Hohenstein, quindi a Bialystok in Polonia. Lo aspettano i lavori forzati e la fame: in poco meno di sei mesi perde 30 chili. Intanto, il prigioniero “DA8659″ stringe amicizia con altri come lui, che non desiderano che tornare a casa. Uniti dall’amore per l’Italia e per il gioco del calcio. Con l’avanzata dei russi, Pagotto e i suoi amici sono mandati a Odessa. Da lì raggiungono Cernauti, in Ucraina. Il gruppo di amici si è allargato, e adesso sono più di duecento italiani a spostarsi insieme lungo questa peregrinazione. A Cernauti, Pagotto incontra altri calciatori italiani. Insieme mettono in piedi una squadra, il loro campo di allenamento è una spianata polverosa in mezzo alle baracche. I pali delle porte sono segnati dalle giacche a righe dei prigionieri. I galeotti greci, olandesi e belga creano delle proprie rappresentanze, sfidandoli. Ma a vincere sono sempre gli italiani, che diventano presto famosi come “Quelli di Cernauti“. A Sluzk, dove viene traslocata la squadra, continuano ad allenarsi. Le partite, organizzate ogni settimana, raccolgono tutti i prigionieri attorno al campo, seduti per terra a poca distanza dalla linea del fallo laterale. A Pagotto viene allora in mente un’idea che, da lì a poco, prende forma concreta. Organizza un torneo tra le diverse squadre dei lager, ognuno con la propria selezione di giocatori. Dalle diciotto partite disputate “Quelli di Cernauti” escono imbattuti. Ma la sfida più grande la formazione di Pagotto la deve ancora affrontare. È quella contro la selezione dei migliori giocatori dell’Armata russa. Quella che, a detta dei suoi aguzzini, potrebbe anticipargli il ritorno a casa in caso di vittoria. “Quelli di Cernauti” non si risparmiano e umiliano gli URSS per 6-2. I tedeschi sono di parola e il 18 ottobre 1945 Mario Pagotto può riabbracciare la moglie e i figli. Vivrà fino al 1992: 212 gare con il Bologna, tre scudetti e una presenza in nazionale. Soprattutto, però, una passione che ha sconfitto anche il lager. Leggi di Più: Mario “Rino” Pagotto, il calciatore del Bologna che ha sconfitto i lager nazisti a suon di gol. Tempi.it (Daniele Ciacci)

Other info

Views: 1304

Rating

Non ancora giudicato

Nessun commento

Aggiungi un commento:

* Campi richiesti



Sottoscrivi i commenti RSS Feed